Il vino in anfora e la magia della Georgia: da Tbilisi a Impruneta, Artenova ricorda l’ospitalità a novembre a due aziende georgiane

20/02/2015     / / / / / / / / / / /

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Un viaggio alle radici della vite, in Georgia, nei luoghi del Caucaso, dove più che altrove si è continuato fino ai giorni nostri ad utilizzare la terracotta come materiale per la conservazione del vino. In questo video si racconta la terra magica, misteriosa della Georgia, dove il tempo sembra sospeso: la città di Tbilisi, il fiume che l’attraversa, il mosto che scorre nelle anfore interrate, il vino come si faceva 2500 anni fa, le anfore che imprimono al vino un carattere esclusivo contro l’omologazione.

Nel novembre scorso durante la Convention Internazionale “La Terracotta e il Vino 2014”, Artenova Terrecotte Artistiche ha ospitato a Impruneta, in Toscana, due aziende vinicole georgiane, Gotsa Wines e Iago’s Wines, entrambe di Tbilisi, quale omaggio a una tradizione, quella della conservazione del vino nelle anfore, che la Georgia non ha mai smesso di praticare e a cui la nostra azienda si dedica con pazienza ogni giorno col suo lavoro artigiano.

In Georgia ci sono 500 qualità di uve diverse: il Caucaso, dunque, è un territorio fondamentale per la ricerca delle radici della vite ed è proprio ai georgiani che dobbiamo lo sviluppo mediterraneo della cultura del vino, tanto che gli abitanti di questa terra possono essere considerati come i progenitori della nostra viticoltura.

Il video dal titolo “Archevitis” nel 2011 ha vinto un premio come come miglior lungometraggio al Festival international des films & photographies sur la vigne et le vin di Arbois, in Francia. Ma Il documentario diretto da Nereo Pederzolli, prodotto dal Comune di Isera e realizzato da Sirio Film ha vinto anche il Primo “Premio Archeoclub d’Italia” come film più gradito dal pubblico, in Sicilia.

Racconta il passaggio della vite da est verso ovest, seguendo le tappe del misterioso viaggio del marzemino. Con alcune rarità archeologiche, come i semi di vite che risalgono ad oltre sei mila anni fa e l’arcaico sistema di vinificare le uve in grosse anfore d’argilla. Le anfore in terracotta fanno da sfondo a tutto il video, protagoniste talvolta silenziose, talvolta prorompenti.

  /  

Seguici su  Google+ | Twitter | Facebook /  English Version

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Artenova. maggiori informazioni

INFORMATIVA ESTESA SUI COOKIE

COSA SONO I COOKIES

I cookie sono piccoli file di testo che i siti inviano al terminale dell’utente (computer, tablet, smartphone, etc.) e vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti in occasione della successiva visita del medesimo utente. I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, invio di messaggi pubblicitari mirati agli interessi manifestati dall'utente nel corso della navigazione, etc.. Visitando un sito, l’utente può ricevere e memorizzare sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. "terze parti"). Di seguito troverai tutte le indicazioni dei cookie installati da questo sito e le indicazioni necessarie per gestire le tue preferenze.

COOKIE UTILIZZATI DA QUESTO SITO

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorarne l’esperienza di navigazione e consentire a chi naviga di usufruire dei nostri servizi online. I cookies utilizzati in questo sito rientrano nelle categ orie descritte di seguito.

1 - Cookie tecnici

I cookie tecnici non richiedono consenso perciò vengono installati automaticamente a seguito dell’accesso al sito. Questo sito utilizza i cookie per monitorare se il visitatore ha aperto questo sito Web in precedenza o se è la prima volta (alcuni widget sono impostati per essere visualizzati solo quando la pagina viene aperta per la prima volta come notifiche popup automatiche) e non contengono dati personali in esso.

Google Maps

Google Maps utilizza un cookie di preferenze ("NID") nei browser. Questi cookie permettono ai siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Questo accade soltanto nel caso in cui l'utente abbia un account google e che sia già loggato nel momento. Il cookie NID viene cancellato al termine della sessione e non è un cookie di profilazione.

GESTIRE LE PREFERENZE SUI COOKIE ANCHE ATTRAVERSO IL BROWSER

Se si utilizza Internet Explorer In Internet Explorer, fare clic su "Strumenti" e selezionare "Opzioni Internet". Nella scheda Privacy, spostare il cursore in alto per bloccare tutti i cookie o in basso per consentire tutti i cookie, e quindi fare clic su OK.

Se si utilizza il browser Firefox

Scegliere il menù "Strumenti" del browser e poi il menu "Opzioni". Fare clic sulla scheda "Privacy". Nell’elenco a discesa “Regole di conservazione” selezionare il livello desiderato. Spuntare la casella “Accettare i cookie” per attivare i cookie, o togliere la spunta per disattivarli. Scegliere anche per quanto tempo i cookie possono essere conservati.

Se si utilizza il browser Safari

Cliccare nel Menù Safari, selezionare il menu "Modifica" e selezionare "Preferences". Cliccare su "Privacy". Posizionare l'impostazione "cookies Block" e fare clic su OK.

Se si utilizza il browser Google Chrome

Cliccare sul menu Chrome nella barra degli strumenti del browser. Selezionare "Impostazioni". Scorrere in fondo alla pagina e cliccare “Avanzate". Nella sezione "Privacy e sicurezza", cliccare su "Impostazioni contenuti". Nella sezione "Cookies", selezionare "Impedisci a tutti i siti di salvare i dati" e quindi fare clic su OK.

Se usi un qualsiasi altro browser o non conosci il tipo e versione di browser che stai utilizzando, clicca “Aiuto” nella finestra del browser in alto, da cui puoi accedere a tutte le informazioni necessarie.

Chiudi