Due vini in anfora, due isole toscane e la stessa storia a “La Terracotta e il Vino 2018”: dalla libertà perduta nascono il rosso Zenobito e il bianco Hermia

26/08/2018     / / / / / / / / / / / / / / / / /

Da due delle più famose isole italiane in Italia e nel mondo, l’isola d’Elba e l’isola di Capraia, arrivano a “La Terracotta e il Vino 2018” due vini fermentati e affinati nelle giare di terracotta di Artenova e due storie con un minimo comune denominatore: la libertà perduta.

Da una parte una storia di detenuti che fino al 1986, anno di dismissione della colonia penale, hanno lavorato i terreni dell’isola di Capraia dove oggi vengono coltivate le uve da cui nasce “Zenobito”, dell’Azienda agricola La Piana; dall’altra la storia dello schiavo cantiniere Hermia che 2100 anni fa lavorava nella villa rustica di San Giovanni all’isola d’Elba, da cui l’omonimo vino Hermia prodotto in anfora dall’Azienda agricola Arrighi. Entrambe le aziende, con i loro vini in anfora, parteciperanno alla terza edizione de “La Terracotta e il Vino 2018” (Impruneta, 24 e 25 Novembre) organizzata e promossa dall’Associazione culturale “La terracotta e il vino”.

 

L’azienda La Piana (isola di Capraia) e  Zenobito Rosso Toscana IGP 2015 e 2016

L’azienda agricola biologica La Piana si trova sull’Isola di Capraia, all’interno del Parco Nazionale Arcipelago Toscano. In questa area, denominata “Il Piano S. Stefano”, hanno vissuto in epoche diverse Romani, Anacoreti, e Saraceni grazie alla generosità di questi terreni, gli unici pianeggianti dell’isola, che riuscivano a fornire tutto quanto era necessario alla propria sussistenza. Nello scorso secolo l’area fu ceduta in affitto alla Colonia Penale e i detenuti hanno lavorato questi terreni fino al momento della dismissione del carcere. Nel 2000 è iniziato un lavoro attento e difficile di restauro ambientale dell’area. Il paesaggio, custodito dalla presenza dell’attività agricola, è disegnato dalla discontinuità dei filari di vite nella macchia mediterranea, terrazzamenti, muretti a secco, antiche cisterne, e da specie ornamentali autoctone quali oleandro, rosmarino, rosa antica. Da questi 3.5 ettari di Aleatico e Vermentino nascono un rosato di Aleatico, un Vermentino ed un passito di Aleatico. Nel 2012 sono iniziati nuovi lavori nella valle di Portovecchio dove è nato un nuovo impianto di Vermentino, Ansonica, Ciliegiolo e Colorino e dove è stato ristrutturato uno stabile concesso in uso civico, appartenente fino al 1986 alla Colonia Penale, in cui è stata ricavata la prima ed unica cantina di vinificazione sull’isola.

Zenobito, ciliegiolo 50% e colorino 50%, da uve prodotte col metodo dell’agricoltura biologica, matura 4 mesi in serbatoi inox e 12 mesi in anfora di terracotta per poi proseguire l’affinamento in bottiglia per 6 mesi.

Anfore di terracotta di Artenova nella cantina dell’Azienda La Piana nell’isola di Capraia

L’azienda Arrighi (isola d’Elba) e Hermia I.G.T. Toscana Bianco 2016

Hermia, realmente esistito duemilacento anni fa, era uno schiavo cantiniere della villa rustica di San Giovanni all’Isola d’Elba. Per conto del suo padrone, l’illustre Valerio Messalla, Hermia acquistò a Minturno nel Lazio meridionale i grandi orci (dolia) con cui arredò la cantina e stampigliò il suo nome accanto alla figura di un delfino che rimanda a un’antica e affascinante leggenda dell’Asia Minore. Questo vino dedicato al cantiniere Hermia , è un omaggio alla secolare storia vitivinicola dell’isola d’Elba, in cui si riscopre la tradizione della fermentazione e dell’affinamento del vino in terracotta. Hermia è prodotto da uve Viognier con le bucce lasciate a contatto con il vino per mesi.

 

 

Anfore di Artenova dentro la cantina dell’azienda Arrighi all’isola d’Elba

  /  

Iscriviti alla newsletter!
Sarai sempre aggiornato sulle ultime novità!

Seguici su  Google+ | Twitter | Facebook /  English Version

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Artenova. maggiori informazioni

INFORMATIVA ESTESA SUI COOKIE

COSA SONO I COOKIES

I cookie sono piccoli file di testo che i siti inviano al terminale dell’utente (computer, tablet, smartphone, etc.) e vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti in occasione della successiva visita del medesimo utente. I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, invio di messaggi pubblicitari mirati agli interessi manifestati dall'utente nel corso della navigazione, etc.. Visitando un sito, l’utente può ricevere e memorizzare sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. "terze parti"). Di seguito troverai tutte le indicazioni dei cookie installati da questo sito e le indicazioni necessarie per gestire le tue preferenze.

COOKIE UTILIZZATI DA QUESTO SITO

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorarne l’esperienza di navigazione e consentire a chi naviga di usufruire dei nostri servizi online. I cookies utilizzati in questo sito rientrano nelle categ orie descritte di seguito.

1 - Cookie tecnici

I cookie tecnici non richiedono consenso perciò vengono installati automaticamente a seguito dell’accesso al sito. Questo sito utilizza i cookie per monitorare se il visitatore ha aperto questo sito Web in precedenza o se è la prima volta (alcuni widget sono impostati per essere visualizzati solo quando la pagina viene aperta per la prima volta come notifiche popup automatiche) e non contengono dati personali in esso.

Google Maps

Google Maps utilizza un cookie di preferenze ("NID") nei browser. Questi cookie permettono ai siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Questo accade soltanto nel caso in cui l'utente abbia un account google e che sia già loggato nel momento. Il cookie NID viene cancellato al termine della sessione e non è un cookie di profilazione.

GESTIRE LE PREFERENZE SUI COOKIE ANCHE ATTRAVERSO IL BROWSER

Se si utilizza Internet Explorer In Internet Explorer, fare clic su "Strumenti" e selezionare "Opzioni Internet". Nella scheda Privacy, spostare il cursore in alto per bloccare tutti i cookie o in basso per consentire tutti i cookie, e quindi fare clic su OK.

Se si utilizza il browser Firefox

Scegliere il menù "Strumenti" del browser e poi il menu "Opzioni". Fare clic sulla scheda "Privacy". Nell’elenco a discesa “Regole di conservazione” selezionare il livello desiderato. Spuntare la casella “Accettare i cookie” per attivare i cookie, o togliere la spunta per disattivarli. Scegliere anche per quanto tempo i cookie possono essere conservati.

Se si utilizza il browser Safari

Cliccare nel Menù Safari, selezionare il menu "Modifica" e selezionare "Preferences". Cliccare su "Privacy". Posizionare l'impostazione "cookies Block" e fare clic su OK.

Se si utilizza il browser Google Chrome

Cliccare sul menu Chrome nella barra degli strumenti del browser. Selezionare "Impostazioni". Scorrere in fondo alla pagina e cliccare “Avanzate". Nella sezione "Privacy e sicurezza", cliccare su "Impostazioni contenuti". Nella sezione "Cookies", selezionare "Impedisci a tutti i siti di salvare i dati" e quindi fare clic su OK.

Se usi un qualsiasi altro browser o non conosci il tipo e versione di browser che stai utilizzando, clicca “Aiuto” nella finestra del browser in alto, da cui puoi accedere a tutte le informazioni necessarie.

Chiudi